ORARIO in cui potersi rivolgere direttamente alla SEGRETERIA: Lunedì dalle 17.00 alle 19.30 | Mercoledì dalle 17.00 alle 19.00 | Per colloqui e informazioni: consultorio1.lafamiglia@gmail.com
Armando Trasarti
S.E. Mons. Vescovo
Don Francesco Pierpaoli
Presidente e Direttore

Consiglio Direttivo

  • Consiglio

    PRESIDENTE e DIRETTORE del Consultorio | Pierpaoli don Francesco

    Vice PRESIDENTE | Tanucci Consuelo

    TESORIERE | Vitali Paolo

    SEGRETARIA | Giacinti Alessia

    CONSIGLIERI | Ansuini Roberto - Giombi Samuele - Meletti Laura - Paradisi Stefano - Renzoni Linda

    CONSULENTE ETICO del Consultorio | Giorgini Don Piergiorgio

  • Probiviri

    Carabini (De Marchi) Elisabetta

    Patrignani (Volpini) Giovanna

    Farneti Angiolo

  • Collegio dei revisori dei conti

    Omiccioli Lorena

    Radici Luciano

    Tobia Even

  • Membri di diritto

    S.E. MONS. VESCOVO | Mons. Armando Trasarti

    VICARIO GENERALE | Mons. Giuseppe Tintori

    RESPONSABILE DELL'UFFICIO PASTORALE | Don Marco Presciutti

    RESPONSABILE DELL'UFFICIO FAMIGLIA | Berloni Carlo - Benvenuti (Berloni) Nicoletta

  • L’Associazione “La Famiglia” è nata nel 1978 su intuizione del vescovo S.E. Mons. Micci, in seguito al referendum sul divorzio e sull’aborto; da subito l’intento era fondare un consultorio di ispirazione cristiana che salvaguardasse e promuovesse i valori della famiglia, del matrimonio, della vita, della sessualità, dell’amore… e si ponesse gratuitamente al servizio della comunità.

    A tal fine, quando ancora doveva nascere “l’Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia” e il “Movimento per la Vita”, l’associazione doveva respirare a due polmoni: quello della formazione-prevenzione riguardo ai mali che potevano affliggere la famiglia: corsi per fidanzati, giornata per la vita, conferenze… e quello della cura qualora la famiglia, la coppia o le singole persone fossero in difficoltà.

    Il Consultorio fa parte della Confederazione Italiana Consultori Familiari di Ispirazione Cristiana; ha ottenuto il riconoscimento anche da parte degli Enti della Regione (ai sensi della legge quadro 29 luglio 1975 n° 405).

    Attualmente il presidente e direttore è Don Francesco Pierpaoli.

  • Art. 1 – E’ costituita con sede a Fano in Via Fanella 93, l’Associazione di volontariato denominata “LA FAMIGLIA”, la quale si ispira ai principi della fede cattolica con particolare riguardo alla dignità della persona umana che si forma e sviluppa nella solidarietà interfamiliare e sociale, in armonia con i dettami della Costituzione della Repubblica Italiana (Art. 2, 29,30,31,36 e 37) e col Magistero della Chiesa.

    Art. 2 – Essa è una associazione autonoma di volontariato, senza fini di lucro, che fornisce prestazioni gratuite e si propone la promozione della persona umana nella famiglia e nell’ambiente in cui nasce, vive ed opera, anche mediante studi, incontri, corsi per la formazione, l’aggiornamento ed iniziative in materia di diritti della famiglia, dell’assistenza – in specie prematrimoniale e matrimoniale – e del diritto alla vita dal concepimento al suo termine naturale. E’ interesse dell’associazione promuovere, animare e sostenere tutte quelle iniziative atte ad aiutare nelle loro reali esigenze e in tutte le diverse situazioni di vita i soggetti che compongono la famiglia: in modo particolare l’associazione si impegna a sensibilizzare l’opinione pubblica e ad intervenire secondo le necessità a favore di:

    • - bambini in stato di abbandono materiale e morale
    • - adolescenti e giovani con problemi fidanzati in preparazione al matrimonio
    • - coppie, coniugi e famiglie in difficoltà
    • - gestanti e madri sole o abbandonate

    L’Associazione si propone di sensibilizzare e stimolare l’opinione pubblica sui problemi che toccano oggi la vita della famiglia nei suoi diversi aspetti, nella consapevolezza che la risoluzione dei problemi dipende da un impegno di tutta la società, in modo particolare l’Associazione si impegna ad attivare:

    • - gruppi di sostegno alle famiglie
    • - centri di accoglienza ed aiuto alla vita
    • - gruppi di formazione e preparazione di famiglie disponibili all’affido e all’adozione
    • - gruppi di studio su problematiche degli anziani e dei loro rapporti con le famiglie
    • - incontri sui metodi naturali di regolazione delle nascite
    • - campagne di sensibilizzazione al fine di stimolare leggi e provvedimenti che valgano a garantire la vita di ogni essere umano e in modo particolare della famiglia fondata sul matrimonio a norma dell’Art. 29 della Costituzione
    • - centro di documentazione e studi familiari
    • - forme di comunicazione attraverso mezzi audiovisivi sui temi della famiglia
    • - una stretta collaborazione con enti pubblici e privati che operano a favore e nell’interesse della famiglia, portando il contributo del proprio pensiero, della propria esperienza e delle proprie energie

    A tali fini essa potrà altresì aprire e gestire, sia direttamente che indirettamente, Consultori Familiari di dichiarata ispirazione cristiana (dotati di un proprio regolamento) ed altre strutture con personale specializzato per attività ed interventi a favore di quanti abbiano bisogno di aiuto e di cristiana solidarietà nella risoluzione di problemi a carattere prevalentemente umano e familiare. A tal fine l’Associazione, pur avvalendosi in modo prevalente di prestazioni volontarie, può anche assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, esclusivamente nei limiti necessari al loro regolare funzionamento e per qualificare o specializzare l’attività svolta.

    Art. 3 – Possono essere soci dell’Associazione “La Famiglia” persone di ambo i sessi che assumano formale impegno di partecipare attivamente, nello spirito del volontariato e senza fini di lucro, alle iniziative dell’Associazione per il perseguimento e per l’attuazione delle sue finalità e responsabilità derivanti da una presenza attiva nella vita sociale, caratterizzata dalla generosità, dall’accettazione di sacrifici per contribuire al bene comune, dalla preminenza dei valori spirituali per il miglioramento dell’uomo e della società. Chi intende essere ammesso all’Associazione deve presentare domanda scritta, sottoscritta anche da due soci presentatori, indirizzata al Consiglio Direttivo precisando:

    • - nome, cognome, data di nascita, residenza ed attività lavorativa
    • - breve “curriculum vitae”
    • - eventuale appartenenza a gruppi, movimenti e associazioni
    • - impegno alla piena osservanza delle finalità statutarie ed alle decisioni degli organi sociali

    Sull’accoglimento della domanda decide, sulla base dei criteri suddetti, il Consiglio Direttivo.

Donazioni ONLUS

"Ciascuno dia secondo quanto ha deciso nel suo cuore, non con tristezza né per forza, perché Dio ama chi dona con gioia" 2cor 9,7

CC postale n°: 64034747

P.Iva/C.F.: 90002960418

Dona